Viktor Korniyenko CC

E’ passato poco più di un anno da quando si è concretizzato il progetto “X Francesco”, nato dalla rinuncia del regalo di pensionamento da parte del collega Pino De Angelis, che ha voluto devolvere il ricavato per aiutare Francesco, un “barbone” che vive per strada. Al collega Pino si è aggiunto, lo scorso mese di giugno, anche il collega Riccardo Arienti, che ha incrementato il fondo rinunciando anche lui al regalo di pensionamento. Con questo generoso gesto si è creato un fondo di circa tremila euro che ci ha permesso di aiutare Francesco, in questi dodici mesi, in modo più continuo ed efficace. La storia di Francesco l’abbiamo raccontata lo scorso anno: è quella di un uomo che dopo aver lavorato per oltre dieci anni in una fabbrica di ceramiche nel modenese, si è trovato senza lavoro, per problemi aziendali, e poi senza casa e senza un futuro. Ha vissuto per strada, in via Nazionale, cercando senza fortuna un lavoro di qualsiasi tipo. Promesse ne ha avute tante, ma poi non si sono mai concretizzate. Il suo lavoro in fabbrica era quello di carrellista trasportatore, ma sa fare di tutto: pittore, fabbro, saldatore, riparatore factotum.

Vivere sulla strada non è facile e logora il fisico e la mente e solo per brevi periodi Francesco ha trovato ospitalità presso strutture cattoliche. Attualmente si sta riprendendo da un intervento chirurgico a cui si è sottoposto da poco e per la convalescenza lo stiamo aiutando, insieme al personale dell’ostello della Caritas, che gli ha permesso di accedere alle proprie strutture, anche al di fuori dell’orario consentito.
Con i soldi del fondo, mensilmente, gli diamo una piccola somma (circa 100 euro) che gli permette di comprarsi ciò che per noi e per lui sono la soddisfazione di piccoli “vizietti”: sigarette, caffè  etc.
A maggio abbiamo consentito a Francesco di andare in Sicilia, a trovare la madre che era ricoverata in ospedale e più di recente, il nostro sostegno gli ha permesso di tornare, per qualche giorno, nella città dove lavorava, ma senza fortuna riguardo ad un eventuale lavoro.
Ora i fondi si stanno esaurendo e la proposta che lanciamo è quella di creare un progetto alimentato con il contributo fisso mensile dei colleghi, che ci permetta di aiutare in modo certo Francesco e rendere così meno animalesco il suo vivere quotidiano, dargli un po’ di libertà economica che poi consiste anche nel rendergli un po’ di dignità.

Per aderire al progetto scaricate il modulo di iscrizione all'Associazione, compilatelo (scrivendo "X Francesco" nello spazio relativo al progetto da sostenere), firmatelo e inviatelo alla nostra associazione per posta (Obiettivo Solidarietà Onlus - Via Lavinio 25, 00183 Roma).

Vai all'inizio della pagina